Home Bacheca
PDF Stampa E-mail

Circolare Ministeriale n. 22/2013

Oggetto: Avvio delle misure di accompagnamento delle Indicazioni nazionali 2012.
Primi adempimenti scadenze.


 
PDF Stampa E-mail

Accompagnare le Indicazioni 

Misure di accompagnamento delle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola
dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione 
 
DOCUMENTO DI LAVORO DEL COMITATO SCIENTIFICO NAZIONALE
  
 
PDF Stampa E-mail


La Buona Scuola

Qualche riflessione


Il ddl relativo a La Buona Scuola approvato il giorno 9 luglio 2015 vanta l’introduzione o il potenziamento dello studio delle seguenti discipline: Arte, Musica, Lingue, Diritto ed Economia. Si può pure condividere l’attenzione posta dal Ministro del MIUR e dal Governo ad alcuni settori del sapere, perché come sappiamo questo non è mai troppo dati i limiti dell’esistenza di ciascuno di noi.
Ogni governo come nota di distinzione e/o forse pensando di passare alla Storia tiene molto ad occuparsi della Scuola E così si lancia nelle cosiddette RIFORME che tali non sono come abbiamo più volte sottolineato, ma soltanto ritocchi nell’intento di migliorare la condizione della Scuola. A volte accade che qualche nota di positivo si riscontri anche in questi ritocchi.
Ciò che preoccupa e mortifica è che i governi di qualunque colore politico perseverano nel non comprendere il valore che la formazione scientifica ha per la formazione della persona e il valore che il potenziamento delle discipline scientifiche sperimentali e in particolare della Chimica ha per lo sviluppo industriale del Paese. Forse i nostri politici non comprendono tutto ciò perché provengono da una Scuola e da una impostazione sociale e filosofica che non ha permesso e non permette loro di percepire rapidamente i cambiamenti e i tempi in cui vivono.
Il MIUR scrive pagine lunghissime sulle Indicazioni nazionali del curricolo dove fra l’altro sembra che la parola “competenza” sia posta lì quasi per caso. Eppure la parola competenza dovrebbe essere evidenziata perché la migliore qualità del percorso educativo è determinata proprio e sopratutto dalla competenza dei docenti da cui discende la corretta conoscenza dei discenti.
A cominciare dalla Matematica che dovrebbe essere insegnata (sic!) a partire dalla Scuola dell’obbligo da chi ne ha competenza perché la Matematica come la Lingua Italiana è una delle due discipline fondamentale per l’acquisizione di tutti i saperi.
A dire il vero anche i docenti giocano la loro parte. Infatti nelle varie proteste non si sente mai pronunziare la parola competenza da parte dei docenti.
Noi chimici comunque non dobbiamo demordere. Chissà che prima o poi non ci imbattiamo in un politico illuminato? Auspichiamo che i nostri colleghi siano consapevoli delle richieste e delle proposte portate avanti dalla AIC e siano convinti che nulla accade per caso e che non vi è cambiamento se non si partecipa.

Desidereremmo conoscere la vostra opinione.




 
PDF Stampa E-mail


La Buona Scuola


I 12 PUNTI


1) L'investimento: 3 miliardi in più all'anno

2) L'autonomia scolastica: più risorse, meno personale

3) Nuova offerta formativa: arte, musica, lingue, discipline motorie, diritto

4) Alternanza scuola-lavoro: 100 milioni all'anno per realizzarla

5) Scuola digitale e laboratori: 90 milioni subito

6) Piano straordinario assunzioni: oltre 100 mila assunzioni nel 2015

7) Subito un nuovo concorso: bando entro il 1° dicembre

8) I presidi: leader educativi responsabili

9) Una card per l’aggiornamento dei docenti: 500 euro all’anno

10) Valutazione del merito: 200 milioni all’anno

11) Edilizia scolastica: 300 milioni per la costruzione di scuole innovative

12) School bonus e detrazioni: 65% di credito d’imposta

La Buona Scuola in 12 punti:
http://www.istruzione.it/comunicati/LaBuonaScuola.html



LA BUONA SCUOLA
Il provvedimento in sintesi


Roma, 09 luglio 2015

Un’offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti. Un piano straordinario di assunzioni per oltre 100.000 insegnanti. Risorse stabili per la formazione e la valorizzazione dei docenti. Investimenti ad hoc per laboratori e digitale.

Sono alcuni dei punti qualificanti del provvedimento ‘La Buona Scuola’, che mette al centro l’autonomia scolastica dando gli strumenti finanziari e operativi ai dirigenti per poterla realizzare. Le scuole avranno più risorse economiche: viene raddoppiato il loro Fondo di funzionamento. Ma anche più risorse umane: ogni istituto avrà in media 7 docenti in più per realizzare i propri progetti e per l’arricchimento dell’offerta formativa.
La legge prevede un finanziamento aggiuntivo di 3 miliardi a regime sul capitolo istruzione e un piano di assunzioni per la copertura delle cattedre vacanti e il potenziamento della didattica. I concorsi per gli insegnanti tornano ad essere banditi regolarmente: il primo sarà indetto entro il prossimo 1 dicembre.

Per gli studenti è prevista un'offerta formativa più ricca che guarda alla tradizione (più Musica e Arte), ma anche al futuro (più Lingue, competenze digitali, Economia). Le scuole superiori potranno attivare materie opzionali per rispondere meglio alle esigenze educative dei ragazzi. L’alternanza scuola-lavoro sarà garantita a tutti nell’ultimo triennio delle scuole superiori, licei compresi, si potrà fare anche all’estero e nelle istituzioni culturali. Grazie ad un finanziamento ad hoc, sarà attivato un Piano nazionale per la scuola digitale, con risorse per la didattica e la formazione dei docenti.
L'intera comunità scolastica sarà coinvolta nell’elaborazione del Piano dell'offerta formativa, il documento costitutivo dell’identità culturale e progettuale di ogni istituto. Continua l'investimento dello Stato sull'edilizia scolastica, con fondi per gli interventi di manutenzione, ma anche per la costruzione di strutture innovative.
Le schede
La Buona Scuola mette al centro l’autonomia
Le scuole, grazie al piano di assunzioni, a partire da settembre avranno un organico potenziato, l’organico dell’autonomia, per coprire le cattedre oggi vacanti e garantire la continuità didattica, rispondere alle nuove esigenze educative, organizzative e progettuali, potenziare l’offerta formativa, combattere la dispersione scolastica, rendere la scuola più inclusiva. Le scuole, d’ora in poi, potranno indicare allo Stato il fabbisogno di docenti e strumenti per attuare il loro progetto educativo. Lo faranno attraversi i Piani dell’offerta formativa (POF) che diventano triennali per dare più continuità al progetto didattico. I Piani saranno elaborati dal Collegio dei docenti, sulla base di indirizzi definiti dal dirigente scolastico, per essere poi approvati dal Consiglio di circolo o d’Istituto dove sono rappresentate anche le famiglie e, alle superiori, gli studenti. Viene raddoppiato il Fondo di funzionamento delle scuole che passa dai 111 milioni attuali ad oltre 200, con uno stanziamento di 126 milioni in più all’anno. Risorse che servono per tutte le spese correnti, dal materiale per la didattica al toner per le stampanti e che da quest’anno saranno erogate in tempi più certi. Le istituzioni scolastiche, nei periodi di sospensione dell’attività didattica, in collaborazione con famiglie, realtà associative e del terzo settore potranno organizzare attività educative, ricreative e culturali nei loro spazi. Potranno poi costituirsi in Reti per la gestione del personale e delle pratiche burocratiche. Un passaggio, quest’ultimo, che alleggerirà il carico amministrativo che grava sul singolo istituto.
Un piano straordinario di assunzioni
Il provvedimento dà il via libera ad un Piano straordinario di assunzioni per l’anno scolastico 2015/2016 per coprire le cattedre vacanti e creare il nuovo organico dell’autonomia che darà alla scuola l’8% di docenti in più, una media di 7 insegnanti aggiuntivi per ciascun istituto. Oltre 100.000 docenti saranno dunque assunti quest’anno attingendo dalle Graduatorie ad esaurimento e dalle Graduatorie di merito (concorsi). Poi i concorsi torneranno ad essere banditi regolarmente ogni tre anni: il primo bando è previsto entro il prossimo 1° dicembre, saranno valorizzati i titoli dei candidati e il servizio prestato da chi ha già insegnato.
Il dirigente scolastico diventa un leader educativo
I dirigenti scolastici diventano leader educativi: meno burocrazia e più attenzione all’organizzazione della vita scolastica. Dovranno essere i promotori del Piano dell'offerta formativa e avranno la possibilità, a partire dal 2016, di mettere in campo la loro squadra individuando, sui posti che si liberano ogni anno, i docenti con il curriculum più adatto a realizzare il progetto formativo del loro istituto. L’individuazione dei docenti da parte dei presidi avverrà all’interno di ambiti territoriali predisposti dagli Uffici Scolastici Regionali. È lo Stato, e non il dirigente scolastico, ad assumere. Solo dopo l'assunzione, gli insegnanti vengono chiamati dalle scuole sulla base dell'offerta che vogliono garantire agli studenti. Le operazioni avverranno in modo trasparente: i presidi renderanno pubbliche tutte le informazioni relative agli incarichi conferiti. I dirigenti scolastici potranno ridurre il numero di alunni per classe per evitare il fenomeno delle aule-pollaio utilizzando l’organico a disposizione. Il dirigente potrà promuovere iniziative sull’orientamento e per la valorizzazione delle eccellenze. L’operato dei capi di istituto sarà sottoposto a valutazione. Il risultato influirà sulla loro retribuzione aggiuntiva.
La Buona Scuola prepara al futuro
L’offerta formativa sarà declinata in base alle esigenze degli studenti e coerente con la necessità di orientarli al futuro. Con la Buona Scuola ci sarà il potenziamento delle competenze linguistiche: l’Italiano per gli studenti stranieri e l’Inglese per tutti (anche con materie generaliste insegnate in lingua). Vengono potenziate poi: Arte, Musica, Diritto, Economia, Discipline motorie. Viene dato più spazio all’educazione ai corretti stili di vita, alla cittadinanza attiva, all’educazione ambientale, e si guarda al domani attraverso lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti (pensiero computazionale, utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media). Alle superiori, il curriculum diventa flessibile: le scuole attiveranno materie opzionali in risposta alle esigenze dei loro ragazzi. Le competenze maturate dagli studenti, anche in ambito extra scolastico (volontariato, attività sportive, culturali, musicali), saranno raccolte in un apposito curriculum digitale che conterrà informazioni utili per l'orientamento e l'inserimento nel mondo del lavoro.
Scuola-lavoro, laboratori e digitale

Almeno 400 ore nell’ultimo triennio dei tecnici e dei professionali e 200 in quello dei licei. L’alternanza scuola-lavoro esce dall'occasionalità e diventa strutturale grazie ad uno stanziamento di 100 milioni all’anno. Si farà in azienda, ma anche in enti pubblici, musei e si potrà fare anche d’estate e all’estero. Sarà predisposta una Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza. I ragazzi potranno esprimere una valutazione sull’efficacia dei percorsi effettuati. Sarà istituito un Registro nazionale in cui saranno raccolti enti e imprese disponibili a svolgere i percorsi. Per rendere coerente la formazione con l’orientamento al futuro, una parte dei fondi che lo Stato stanzia per gli Istituti tecnici superiori sarà legata (per il 30%) agli esiti dei diplomati nel mondo del lavoro. Altri 90 milioni vengono stanziati subito per l’innovazione didattica e la creazione di laboratori territoriali, aperti anche di pomeriggio, per orientare i giovani al lavoro e da utilizzare come strumento di contrasto alla dispersione. Sul digitale e l'innovazione l'investimento diventa permanente: dopo i primi 90 milioni, ce ne saranno altri 30 all'anno a partire dal 2016.
Una Card per l’aggiornamento degli insegnanti
Arriva la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti, un voucher di 500 euro all’anno da utilizzare per l’aggiornamento professionale attraverso l’acquisto di libri, testi, strumenti digitali, iscrizione a corsi, ingressi a mostre ed eventi culturali. La formazione in servizio diventa obbligatoria e coerente con il Piano triennale dell’offerta formativa della scuola e con le priorità indicate dal Ministero. Viene finanziata per la prima volta con uno stanziamento strutturale: 40 milioni di euro all’anno.
Un fondo ad hoc per valorizzare i docenti 

Viene istituito un fondo da 200 milioni all'anno per la valorizzazione del merito del personale docente. La distribuzione alle scuole terrà conto dei territori con maggiori criticità educative. Ogni anno il dirigente scolastico assegnerà i fondi ai docenti tenendo conto dei criteri stabiliti, in base a linee guida nazionali, da un apposito nucleo di valutazione composto da: dirigente (presiede), tre docenti, due genitori (dall’infanzia alle medie) oppure un genitore e uno studente (alle superiori), un componente esterno individuato dall’Ufficio scolastico regionale.
Un bando per ‘Scuole Innovative’, continua l'impegno sull'edilizia

Il ddl prevede un bando (300 i milioni a disposizione) per la costruzione di scuole altamente innovative dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico. Scuole ‘green’ e caratterizzate da nuovi ambienti di apprendimento digitali. L’Osservatorio per l’edilizia scolastica, istituito presso il Miur, coordinerà strategie e risorse per gli interventi e promuoverà la cultura della sicurezza. È previsto un investimento di ulteriori 200 milioni per i mutui agevolati per la costruzione e la ristrutturazione delle scuole. Vengono recuperate risorse precedentemente non spese da investire sulla sicurezza degli edifici. Stanziati inoltre 40 milioni per finanziare indagini diagnostiche sui controsoffitti degli istituti. Viene istituita la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole.
La Scuola trasparente
Il ddl prevede la creazione di un Portale unico dei dati della scuola con la pubblicazione di tutte le informazioni relative al sistema di istruzione: bilanci degli istituti, Anagrafe dell’edilizia, Piani dell’offerta formativa, dati dell’Osservatorio tecnologico, curriculum vitae degli insegnanti, incarichi di docenza. Uno strumento di trasparenza nei confronti dei cittadini e di responsabilizzazione degli istituti.
School bonus e detrazione rette per chi va alla paritaria

Con lo school bonus, chi farà donazioni a favore delle scuole per la costruzione di nuovi edifici, per la manutenzione, per la promozione di progetti dedicati all’occupabilità degli studenti, avrà un beneficio fiscale (credito di imposta al 65%) in sede di dichiarazione dei redditi. È previsto un limite massimo di 100.000 euro per le donazioni. Cambia l’approccio all’investimento sulla scuola: ogni cittadino viene incentivato a contribuire al miglioramento del sistema. È previsto un fondo di perequazione, per evitare disparità fra istituti, pari al 10% dell’ammontare delle erogazioni totali. Scatta la detraibilità delle spese sostenute dalle famiglie i cui figli frequentano una scuola paritaria.
Il provvedimento assegna poi la delega al Governo a legiferare in diversi ambiti fra cui la formazione in ingresso dei docenti, il diritto allo studio, il riordino delle norme in materia di scuola, la promozione dell'inclusione scolastica, le modalità di assunzione e formazione dei dirigenti scolastici, la creazione di un sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni. Sarà potenziata la Carta dello Studente che diventerà uno strumento per l’accesso a servizi dedicati..

Gli investimenti previsti ne ‘La Buona Scuola’
http://www.slideshare.net/miursocial/gli-investimenti-25giugno

La Buona Scuola in 12 punti::http://www.istruzione.it/comunicati/LaBuonaScuola.html

Dal sito del MIUR



 
PDF Stampa E-mail

Dalla collega Maria Speciale riceviamo la lettera che

segue e che pubblichiamo così come ci è pervenuta.


 


Al Ministro del MIUR

Prof.ssa Stefania Giannini

Viale Trastevere 76/A - 00153 ROMA

 

Al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Al Sottosegretario del MIUR dott. Roberto Reggi

 


Mittenti: docenti della A013


Oggetto: problema della Chimica nel Liceo Artistico

 

Gentile Ministro,

vi scriviamo adesso per sollecitare, nell’ambito dei cambiamenti che pensate di attuare, un vostro intervento a favore della nostra disciplina. Ultimamente si parla tanto della “Buona Scuola”, ma con disappunto abbiamo notato che tra le discipline su cui avete in programma di potenziare non compaiono la Chimica e più in genere le materie scientifiche, sempre penalizzate in un Paese che non investe nella ricerca e che perde così sempre più in competitività e capacità di innovazione.

Nel caso della A013, da sempre assente nella scuola italiana d’elite (liceo classico e scientifico), la riforma Gelmini ha dato il definitivo colpo di grazia sopratutto nel Liceo di istruzione Artistica, già preesistente, ma che ora ha assimilato l’Istituto d’Arte (scuola di istruzione professionale che aveva 42 ore settimanali).

A nostro avviso i tagli operati dal ministro Gelmini sulla Chimica dei materiali sono stati ingiustificati, dato che l'Italia è uno dei paesi dell'Unione europea con un basso tasso di laureati nelle discipline tecnico-scientifiche.

Per maggiore chiarezza, riassumiamo tabella la distribuzione oraria della A013 prima della riforma (ex ISA, corso ordinamentale e ex Liceo artistico, corso sperimentale “Michelangelo”) e dopo (attuale Liceo Artistico):

 


ORE ALL’ISA ORDINAMENTALE

ORE AL MICHELANGELO

ORE AL NUOVO LICEO ARTISTICO

I ANNO

1

0

0

II ANNO

1

0

0

III ANNO

1

3

2

IV ANNO

4

3

2

V ANNO

4

Solo in alcuni indirizzi speciali.

0

TOTALI

11 ore

6 ore

4 ore


1) PERCHE’ LA CHIMICA NON E’ PIU’ PRESENTE AL V ANNO? Gli allievi che frequentano i Licei spesso proseguono gli studi in ambito universitario ( Architettura, Ingegneria, Scienza dei materiali, Accademia di Belle Arti, Beni Culturali), quindi necessitano di una buona conoscenza dei contenuti di Chimica generale inorganica e organica e di una capacità di applicazione a casi pratici che consenta il superamento delle prove di ingresso. Inoltre la preparazione complessiva deve fornire i prerequisiti per le materie d'esame del primo anno di corso. Attualmente tutto ciò è seriamente compromesso perché gli alunni, già impegnati nelle materie curriculari, dovrebbero approfondire queste conoscenze nel tempo extrascolastico e con lo studio autonomo.

 

2) PERCHE’ NEGLI ATTUALI INDIRIZZI DI GRAFICA E MULTIMEDIALITA’ LE DUE ORE SETTIMANALI SONO STATE AFFIDATE AI DOCENTI DELLA A060?

Non si capisce la logica della scelta allora operata, perché ad esempio quasi tutte le tecniche di stampa trattate dall’indirizzo di Grafica si basano su principi chimici, che infatti venivano ampliamente discussi nei programmi della A013, e che ora non sono più previsti nelle Linee guida.

 

3) COME MAI I PROGRAMMI MINISTERIALI DI CHIMICA SONO RIMASTI PRATICAMENTE INVARIATI? A fronte di una rilevante riduzione del monte ore complessivo dei corsi, gli obiettivi specifici di apprendimento indicati nelle Linee guida comprendono:

a) l'approfondimento dei contenuti di Chimica generale inorganica di base, di cui viene trattato solo qualche argomento nel corso di Scienze del biennio;

b) la Chimica generale organica di base;

c) la Chimica dei materiali specifici dei vari indirizzi unitamente alle tecniche artistiche;

d) attività sperimentali sulla Chimica generale inorganica e organica e prove di laboratorio sulla caratterizzazione dei materiali;

e) cenni sul degrado dei materiali e sul restauro.


Per di più si fa presente che attualmente le classi a volte sono composte anche da più di 30 alunni e che nei Licei Artistici sono spesso iscritti allievi DSA, BES o diversamente abili in maggiore percentuale rispetto ai Licei Classici o Scientifici, con necessità di ricorrere ad un Piano didattico personalizzato o ad un Piano educativo individualizzato. Inoltre la formazione di competenze richiede, oltre ad una buona progettualità e organizzazione, anche tempi adeguati e una continuità didattica che l'attuale frammentazione delle cattedre di A013 spesso non consente.

Per quanto scritto appare evidente che nel quadro orario attuale le ore di Chimica dei materiali sono insufficienti per permettere il pieno raggiungimento degli obiettivi educativi e didattici.

 

Pertanto i sottoscritti docenti chiedono alle S.V. di incrementare le ore curricolari della A013 e di reinserirla al V anno, estendendola a tutti i tipi di indirizzo dell’istruzione Artistica.

 

Certi di un positivo riscontro, porgiamo cordiali saluti.

 

 

 

 
«InizioPrec.1234Succ.Fine»

Pagina 1 di 4