Home Bacheca Richiesta audizione
PDF Stampa E-mail

Roma, 12 marzo 2012

Al Ministro dell’lstruzione dell’Università e della Ricerca

Prof. Francesco Profumo

Viale Trastevere, 76/a

00153 ROMA


Oggetto: Richiesta urgente di audizione

 

Sig. Ministro,

ci permettiamo di rivolgerci direttamente a Lei in relazione alla prossima conclusione dei lavori degli uffici del Ministero dell'Istruzione sulle nuove classi di concorso per l'insegnamento per mettere in evidenza quella che a noi sembra una situazione da rivalutare.

 

Le è certamente nota, in qualità del ruolo da lei ricoperto fino a cento giorni fa, la scarsa preparazione nella materia della chimica da parte degli studenti liceali italiani. Quando affrontano gli esami di ammissioni alle facoltà scientifiche, ad esempio medicina, sono molto basse le percentuali di coloro che rispondono correttamente alle domande di argomento chimico. Ad esempio all'ultima selezione svoltasi presso l’Università La Sapienza di Roma le risposte esatte in questa materia sono state in media il 35% del totale, la più bassa tra tutte le materie oggetto dei test di ammissione. Riteniamo che questa "anomalia" sia dovuta al fatto che nei Licei la chimica viene nella maggioranza dei casi insegnata da insegnanti non chimici ed a loro volta con scarsa preparazione nella materia.

 

ln passato abbiamo già inviato al suo Ministero alcuni appelli i cui testi, per comodità, rialleghiamo anche a questa lettera. Ci aspettiamo che un Ministro tecnico e competente possa apprezzare maggiormente l'intento culturale del nostro impegno.

 

Capiamo e siamo consapevoli del fatto che docenti di altre discipline che si trovano in situazione sovrannumeraria facciano le loro richieste "sindacali" per avere affidati incarichi di docenza che possano permettere loro di non rimanere ai margini del mondo scolastico. Ma può essere questo il criterio con cui vengono scelti coloro che devono preparare i giovani ad affrontare consapevolmente il futuro del mondo del lavoro? La conseguenza perniciosa che la chimica non venga insegnata da chimici è evidente nelle Università, dove sempre meno studenti scelgono la chimica come percorso di studi, evidentemente perché non sono stati messi in condizione di capirne il potenziale e le enormi prospettive professionali.

 

Per questo motivo siamo a chiederle di poterla incontrare al fine di illustrarle la nostra proposta di modifica che prevede l’affidamento dell’insegnamento "scienze naturali" limitatamente al secondo e quarto anno dei licei scientifico tradizionale, scienze applicate e classico, ai soli docenti chimici A013-futura A-34, risultandone in questo modo la certezza di organici liceali in cui siano presenti a tutti gli effetti docenti chimici per l'insegnamento della chimica.

 

Distinti saluti.

 

Il Presidente

Prof. Chim. Armando Zingales